Lavorare come social media manager

Tra i lavori online più richiesti in questo periodo c’è di sicuro il Social Media Manager. Come in tutti lavori però, da una parte c’è chi ha studiato e ristudiato la teoria e ha verticalizzato sull’utilizzo dei Social per il Marketing e dall’altra c’è l’azienda che ha bisogno di fatturare e, forse, conosce meglio ciò che serve davvero ai suoi clienti social. Dialogare, sempre. Perché questo preambolo? È presto detto. Quando si accetta un lavoro in azienda è bene preparare la mente ad una certa flessibilità, ecco perché il Social Media Manager di turno potrebbe ritrovarsi a dover superare una prova selettiva dove, per ricoprire il ruolo in quella specifica azienda non in tutte attenzione, è richiesta una skill in più, rispetto a quelle acquisite durante il corso di studi, che i più fortunati potrebbero averla acquisita magari da un Hobby. In conclusione, se al Social Media Manager viene richiesta una Skill come montatore video, anche se livello base, movie maker per intenderci, non bisogna meravigliarsi. Non dovete meravigliarvi se durante il percorso di studi non avete acquisito questa skill perché non faceva parte del programma, volete quel posto di lavoro? È il momento di studiare…ancora…e ancora…

Skill base per diventare Social Media Manager

Il punto di partenza sono i Social. Google, Bing, Facebook, Instagram, WhatsApp, Telegram, Youtube, LinkedIn, Twitter, Tumblr e TikTok, anche se quest’ultimo è ancora in fase di sperimentazione per le aziende – consiglio è quello di abbinarlo a Instagram, tenendo ben presente che il bacino di utenza di partenza è una fascia molto giovane. Vi ricordate Snapchat? Peccato per chi ha investito tempo per diventare il GURU di Snapchat…oggi ha davvero poco da fare, quindi – consiglio 2, attenzione ai Social Meteora! Rileggendo…dobbiamo parlare di Spotify.

  • Google Ads
  • Bing Ads
  • Facebook Marketing Ads
  • Instagram Advertising
  • WhatsApp Marketing
  • Telegram Marketing
  • Youtube Marketing
  • LinkedIn Marketing
  • Twitter Marketing
  • TikTok Advertising
  • Snapchat

Google Ads

Google ci ha provato e ci proverà sempre a creare un proprio Social. Tieniti pronto, intanto impara a gestire la scheda Google di un’azienda e a creare post e a indicizzarli. Quindi, immagine possibilmente unica e personalizzata, magari contestualizzata con descrizione, call to action e link al sito, sempre. È un mondo, inizia con i tutorial gratutiti.

Bing Ads

Anche se meno utilizzato di Google, Bing resta sempre il motore di ricerca pre-installato su molte macchine. Esatto, quando acquistiamo un PC, desktop o portatile che esso sia, Microsoft, proprietario di Windows e Bing, nonché di Outlook, ovviamente fa trovare Bing come motore di ricerca all’utente, quindi, impara a gestire scheda Bing e post su Bing. Purtroppo trovi poco da studiare, ma c’è tanto da fare….basta pensare che pochissimi over 50 scaricano Chrome se non hanno figli in casa.

Facebook Marketing Ads

facebook-debug-tool

Qui puoi diventare uno specialista, ma bisogna davvero studiare. Oggi molte aziende avviano la loro campagna di visibilità e presenza online con la sola pagina Facebook, il sito magari, più costoso viene sviluppato dopo. Bisogna imparare a gestire il Manager, installare il Pixel, se si ha un sito da associare, gestire le campagne, risolvere il problema dell’anteprima dei post con il facebook debug tool Imparare a scrivere un post breve e diretto, ad utilizzare gli hashtag, creare una community, imparare a spostare i follower da una piattaforma all’altra…quante cose…un mondo bellissimo! Impara Facebook Marketplace.

Instagram Advertising

Il primo pensiero va a? La cosa da valutare in Instagram, più che in altri Social, è il settore. Mentre esistono Social generalisti, Instagram si è confermato come il Social del Bello mettendo in secondo piano Advertisig dell’Utile – Se hai un Farmacia hai poco da proporre su Instagram, una crema abbronzante ad esempio…tanto lavoro per pochi prodotti. Se invece sei un negozio di Abbigliamento, Prodotti per il Corpo o Ristorazione…hai fatto centro. Aprire un profilo non costa nulla… Utilizzalo per testare i prodotti e fare analisi di mercato. È un Social ancora molto dipendente da Facebook per quanto riguarda la gestione delle pubblicità. Le strade percorribili potrebbero essere 2 o creare un tool dedicato o integrare l’App in Facebook. Aspettiamo.

WhatsApp Marketing

Qui puoi aver bisogno di un supporto tecnico informatico. Ma di base puoi già interagire con i tuoi clienti o i clienti dei tuoi clienti. Impara a gestire le liste broadcast, Ricorda che, il messaggio inviato ad un cliente inserito in lista viene ricevuto solo se il cliente ha memorizzato il numero del tuo profilo whatsapp in rubrica. Puoi verificare questo dalle spunte. Installa WhatsApp Business. Verifica il numero in Facebook e crea le campagne lead WhatsApp. Sollecita i clienti a memorizzare il numero in rubrica, in negozio e online, sempre. Non spammare, rischi che ti venga bloccato il profilo. Esatto quello che utilizzi è un profilo vero e proprio, con il semplice fatto che si basa sul tuo numero di telefono. Installa WhatsApp Web sul tuo PC ti agevolerà nella gestione customer care. Auguri.

Telegram Marketing

È il fratello HiTech di WhatsApp. Se sei uno smanettone informatico puoi personalizzare la gestione molto più che in WhatsApp…ma in quanti utilizzano Telegram? Sicuramente troverai smanettoni informatici come te 😊 da qui la scelta di questo Social Marketing se hai intenzione di vendere prodotti tecnologici ad esempio. Lavora sulle nicchie.

Youtube Marketing

Prima di tutto ricordiamo che YouTube è un canale di Google, quindi hai una potenza di fuoco a livello planetario. Ha un tool interno per la gestione del marketing. Puoi monitorare e migliorare le tue campagne. Quando carichi un video ricorda di indicizzarlo, esiste la SEO per Youtube, infatti se lavori bene in questo senso, i tuoi video compariranno anche nella SErp di Google. Per tutti i settori. Costoso.

LinkedIn Marketing

Social molto apprezzato dalle aziende e dai professionisti, in particolare quelli laureati. È in forte crescita e inizia anche a proporsi qualcuno come consulente per imparare ad utilizzarlo come canale marketing. Funziona molto bene se sei un’azienda e cerchi dipendenti, in qualsiasi campo. Se decidi di aprire questo Social, non sgarrare…viene cisto come il tuo CV, in realtà lo è… Ideale per agenzie interinali.

Twitter Marketing

Dopo l’emozionante campagna elettorale di Trump, già lo era, ma è diventato davvero il Social della Politica e dei Giornalisti. In Italia purtroppo non è stato capito, è un po’ come l’eterna giovane promessa che manca sempre l’appuntamento con la consacrazione. Per ottenere dei risultati dovete davvero lavorare e spendere molto. Ha un tool interno utilissimo dove viene aggiornato costantemente durante la giornata gli HashTag di tendenza. Va imparato.

TikTok Advertising

Può essere il primo di una lunga serie di Social mono azione. Ha una viralità spaventosa che supera i confini del proprio Social, infatti, i video vengono condivisi su tutti i Social e ovviamente in basso a destra c’è sempre il loghetto in evidenza. TikTok è scienza applicata. Alla base di tutto c’è il “diamo all’utente quello che vuole… unito a giochi e tendenze.

SnapChat

Va comunque citato. Magari qualcuno lo utilizza ancora per preparare le immagini con i suoi fantastici badge, emoticon ed effetti…poi però il post viene fatto altrove. Ogni tanto verifica se è ancora attivo…

Ovviamente come avrai notato questi sono i Social dell’emisfero Occidentale, se hai intenzione di spostarti ad oriente, devi valutare altri Social…e imparare la lingua o tentare la strada dell’inglese.

Skil Plus

Come dicevamo è possibile che vengano richieste delle skill, chiamiamole complementari, come sapere montare un video o creare immagini accattivanti. Ecco perché, per chi ha poca dimestichezza, piano piano è bene formarsi anche per queste 2 Skill. Attiva abbonamenti di prova all’inizio ma punta subito ai software concreti, quelli più richiesti…è inutile fare nomi, ma bisogna andare oltre Paint e Movie Maker 😊

L’ultimo consiglio è quello di imparare a monitorare e valutare (auto valutarsi) il traffico e la strategia adottata con Tool gratuiti e a pagamento, e imparare a fissare i KPI e le metriche, ma questo potrebbe essere fonte di ispirazione per un altro articolo. Segui un Master o un Corso Online o Free su Youtube…insomma non lasciare nulla al caso, i Social sono un mezzo potentissimo e vanno utilizzati con raziocinio e competenza. Ad maiora!